Ortodonzia Intercettiva

L'ortodonzia è quella branca dell'odontoiatria, che ha come obbiettivo, l'allineamento dei denti e la giusta posizione di mandibola e mascella. Quando i denti non sono allineati e le basi ossee non hanno un giusto rapporto siamo in presenza di una malocclusione.

 

Le cause che generano una malocclusione possono essere:

  • GENETICHE

Come tutto il corpo del bambino anche i denti e le ossa mascellari subiscono, per quanto riguarda la loro forma e dimensione, l'influenza genetica dei genitori, su queste cause l'ortodontista può agire solo parzialmente.

 

  • AMBIENTALI

Queste cause limitano o interferiscono sulla crescita genetica delle ossa mascellari e sulla posizione dei denti. Le cause ambientali influiscono molto sulla genesi della malocclusione, consigliamo quindi di effettuare visite di controllo semestrali a partire già dai 4 - 5 anni in modo, da intercettare, eventuali cause ambientali negative ed eventualmente modificarle con una terapia ortodontica adeguata. 

 

Le cause ambientali che si intercettano sono fondamentalmente due:

  1. RESPIRAZIONE ORALE

Sempre più spesso i bambini respirano con la bocca invece che col naso. I motivi sono molteplici (tonsilliti, riniti, uso del ciuccio, ecc...). Per respirare con la bocca il bambino mantiene una postura alterata che deforma le ossa mascellari creando la malocclusione.

 

    2.  DEGLUTIZIONE E POSTURA DELLA LINGUA ATIPICHE

Anche la posizione scorretta della lingua può provocare una deformazione delle ossa mascellari e di conseguenza creare la malocclusione. Spesso alcuni bambini continuano a deglutire come nei primi mesi di vita, questo tipo di deglutizione si definisce “deglutizione atipica o infantile” e la lingua viene posta allo stesso modi di quando il bambino beveva al seno materno o al biberon. Spesso per correggere questo modo sbagliato di deglutire  o di posizionare la lingua può essere utile la collaborazione della logopedista insieme all'uso dell'apparecchio ortodontico appropriato. 

Una serie di sedute logopediche aiuteranno il bambino a correggere la respirazione e la deglutizione scorrette tramite una serie di esercizi da eseguire, con la collaborazione dei genitori, anche a casa.

 

Come abbiamo già detto la malocclusione è frequentemente determinata, o comunque aggravata dalle abitudini scorrette protratte nel tempo a succhiare, ad esempio il dito o il ciuccio, e dalla tendenza del bambino ad assumere atteggiamenti a bocca aperta spesso perché respirano con la bocca e non con il naso. Fare la prevenzione ortodontica è un importante fattore di salute per l'organismo poiché ci sono situazioni che, se trattate precocemente, possono risolvere direttamente il problema o ridurre l'entità del trattamento ortodontico successivo. 

 

L'ortodonzia intercettiva, che si occupa di "intercettare" le malocclusioni in dentatura decidua (quando sono presenti solo i denti da latte)o mista (quando sono presenti denti da latte e denti definitivi).

Oggi ha sempre più un importanza fare prevenzione per alcune malocclusioni, già ben diagnosticabili all'età di 5-9 anni come morsi crociati laterali e/o anteriori anche associati a crescita ridotta dell'osso mascellare, morso profondo anteriore, sviluppo insufficiente dell'osso mandibolare associato a protrusione superiore mascellare. Queste malocclusioni se non intercettate diventano di difficile soluzione una volta terminata la permuta.

 

Lo scopo della terapia intercettiva é duplice: la correzione del difetto principale, soprattutto scheletrico in fase di crescita e allo stesso tempo abbrevia e semplifica l'eventuale trattamento con apparecchio fisso in dentatura permanente. 

 

Gli apparecchi più usati nella moderna ortodonzia intercettiva sono diversi e qui ne citiamo alcuni:

- i quad-helix nelle varie versioni, fissi, che si usano per correggere i difetti trasversali dento-sche­letrici del mascellare; 

- le trazioni extraorali, per bloccare l'eccessiva protrusione mascellare e distalizzare i primi molari superiori associati a volte con lip­bumper nell'arcata inferiore; 

- l'espansione rapida del palato, che aprendo la sutura centrale del palato permette correzioni molto grandi ed associata alla maschera di Delaire, é insostituibile nel trattamento ortopedico delle gravi contrazioni del mascellare; 

- gli apparecchi funzionali (Placca di CERVERA, FRANKEL, BIONATOR ed il Myobrace System) che influenzano in modo positivo la crescita mascellare e mandibolare. 

Va precisato che è fondamentale che l’ortodontista faccia un'accurata diagnosi dento-scheletrica; è evidente l'assoluta importanza di un inquadramento clinico il più preciso possibile, nel rispetto della maturazione psicologica delle priorità terapeutiche, dell'anatomia, in una parola delle variazioni individuali così importanti per ogni singolo paziente. 

 

Esempio di malocclusione di classe 3 e morso incrociato

trattata con l'ortodonzia intercettiva in dentatura mista.

 

Le varie fasi del trattamento.
1) Inizio: palato stretto, morso incrociao, e classe terza.
2) fase dell'Espansione Rapida del Palato
3) Risultato finale: il palato ha una dimensione adeguata, tutti i denti sono in arcata e il morso non è più inverso perchè la terza classe è stata corretta.
4) fase con maschera di Delaire